I J5 a #FAMEsuperstars

Tra le molte storie raccontate (o anche solo accennate) da FAME superstars, il nuovo musical della PopMusicSchool, ci sarà anche quella di Michael Jackson che con i suoi fratelli formò, nei primi anni Sessanta i The Jackson 5 (ma anche J5, The Jackson 5ive o The Jackson Five). Il giorno del loro debutto in pubblico (il 29 agosto 1965)  Michael Jackson aveva 7 anni e festeggiava il compleanno.

Nel nostro musical, i The Jackon 5 saranno portati in scena con la freschezza, l’entusiasmo e la gioia di 5 giovanissime molto brave nel canto, nella danza e nella recitazione.

Vi aspettiamo il 26, 27 e 28 maggio al Palazzo dei Congressi e, se non l’avete ancora fatto, non dimenticate di riservare i vostri biglietti su www.biglietteria.ch

«FAME superstars» e il mio Sessantotto – 1

Partecipare a «FAME superstars» è per me l’opportunità di ripensare e riscoprire il mio «Sessantotto» o meglio i ricordi degli anni tra il 1960 e i primi anni Ottanta. Per me, per le amiche e gli amici che condividono questa avventura e per i lettori di questo blog ho deciso di raccontare alcuni di quei ricordi ma anche le mie riscoperte degli avvenimenti che in quegli anni non né colto, né vissuto forse perché già troppo adulto.

Il card. Martini e padre Bartolomeno Sorge
Foto da: http://www.news.gesuiti.it

Nella seconda metà degli anni Settanta e nei primi anni Ottanta, il mio impegno nella società (dapprima in politica e poi nel sindacato OCST) è stato segnato dalla volontà di approfondire le radici del mio impegno e, in particolare, gli insegnamenti sociali della Chiesa cattolica. Ho avuto la fortuna di avere «maestri» che mi hanno fatto incontrare e conoscere persone di grande levatura.
Tra queste ricordo ancora con ammirazione una giornata di studio con Padre Bartolomeo Sorge, allora direttore della Civiltà Cattolica.

In questa intervista, Padre Sorge racconta  il suo rapporto con il Card.  Carlo Maria Martini, arcivescovo di Milano e riassume le visioni e gli insegnamenti ai quali ho cercato di orientare il mio impegno.

Una lezione che mi sembra di grande attualità per ogni persona che si interroga sul suo ruolo nella nostra società e sul modo per attualizzare e conservare gli aneliti alla libertà, alla pace e all’uguaglianza dei diritti che, con la musica, sono tra i fili conduttori delle storie che racconteremo in «FAME superstars».

«FAME Supertars» il musical che racconta il Sessantotto

«FAME Supertars» è il nuovo musical prodotto dalla PopMusicSchool di Paolo Meneguzzi che sarà presentato il 26, 27 e 28 maggio al Palazzo dei Congressi di Lugano.
Una sessantina di giovani (di età e/o di spirito) racconteranno le storie delle superstars dagli anni ’60 alla fine degli anni ’70 (The Beatles, Jim Morrison, Andy Warhol, Bob Dylan e tanti altri) ma anche di ragazzi che inseguivano il successo e lottavano per la pace nel Vietnamm, contro le discriminazioni razziali, per un mondo diverso di speranze e libertà.


Per molti sarà l’occasione di scoprire quel mondo e i suoi fermenti oppure di riascoltare le musiche e rivivere le emozioni di quegli anni.
Per me sarà un’esperienza nuova, non solo per la possibilità di essere sul palco a recitare e cantare ma anche per vivere un periodo che mi è scivolato addosso mentre già ero (troppo) impegnato ad essere «adulto».
Così, ad esempio, credo di avere ascoltato più musica di Beatles, Doors, Rolling Stone e altri da metà dicembre a oggi che non in tutti i precedenti 45 anni.

Sono certo che sarà una bella esperienza. Vi invito a condividerla. Potete già acquistare i biglietti su biglietteria.ch oppure contattandomi personalmente (anche qui o su Facebook).

Credits: foto da Internet, www.bergamonews.it

The Beatles a #FAMEsupestars

Sul percorso di formazione che, a fine maggio (26, 27 e 28), ci porterà sul palco del Palazzo dei Congressi di Lugano ci siamo lasciati alle spalle un altro intenso fine settimana di impegno, lavoro (ed anche di divertimento).
Quasi a sottolineare questa tappa, History in Moment mi regala su Twitter una bella fotografia dei «quattro ragazzi di Liverpool».

Paul McCartneyJohn Lennon, Ringo StarrGeorge Harrison ritratti con la freschezza dei loro vent’anni e, come dice il nostro autore Fernando Coratelli, «insolenti, spensierati, pronti a rispondere a tono agli adulti e a rompere le convenzioni (anche davanti alla Regina)».

Con questo spirito, la nostra avventura continua.
Intanto, voi, in attesa dell’avvio della prevendita dei biglietti, riservate la data.
Per saperne di più, consultate anche il sito della PopMusicSchool di Paolo Meneguzzi e quello della Scuola e Accademia di Musical.